In giro per Lecce con il naso all’insù

“Era una piazza informe, la vedevo per la prima volta e ne ebbi la struggente sensazione di un luogo che abbiamo immaginato e visitandolo non ci disillude, perché la realtà vince l’immaginazione e anzi questa si accorge di aver trascurato gli apporti della luce e dei suoni, l’ammorbidirsi dell’aria al crepuscolo, quando gli alberi si chiudono come ombrelli e le case respirano la stessa tristezza che ci fa rallentare il passo” (Ennio Flaiano)

Desideravo da tanto tempo prendere la strada e andare verso Sud, visitare luoghi visti solo in foto o nei film, conosciuti solo attraverso le parole di altri.

Siamo arrivati a Lecce sotto la pioggia e siamo ripartiti con il sole, in una strana atmosfera che sembrava sospesa: una città quasi deserta, bagnata da una pioggia leggera ma costante e in cui ci siamo praticamente persi girando tra vicoli, corti, sotto balconi finemente decorati, davanti a porte abbandonate, tra gatti padroni degli usci e i resti di un ricco passato.

Da una parte c’era la città, bella, accogliente, luminosa nonostante le nuvole, e dall’altra noi, con gli occhi spalancati e il naso perennemente all’insù per non perdere nessun dettaglio, nessuna statua, nessun ornamento.

Abbiamo salutato Lecce con la certezza che il nostro fosse solo un arrivederci, grati dei giorni lenti trascorsi in quel remoto angolo d’Italia e portando via con noi il ricordo della pietra dai colori tenui, delle lunghe chiacchierate con i salentini così innamorati della loro terra, del sapore dei cibi tipici.

A presto!

PS. Lo so, sono due volte di seguito che cito Flaiano, ma che ci posso fare se leggo le sue parole e vorrei averle scritte io?

DSC_6464

DSC_6467

DSC_6697

DSC_6765

DSC_6695

DSC_6692

DSC_6638

DSC_6750

DSC_6541

DSC_6572

DSC_6458

DSC_6632

DSC_6607

DSC_6558

DSC_6502

DSC_6498

DSC_6496

DSC_6497

DSC_6573

DSC_6651

DSC_6581

DSC_6648

DSC_6642

DSC_6646

DSC_6659

DSC_6484

DSC_6486

DSC_6511

DSC_6588

DSC_6594

DSC_6605

DSC_6619

DSC_6732

DSC_6600

DSC_6636

DSC_6603

DSC_6633

DSC_6645

DSC_6746

DSC_6721

DSC_6669

DSC_6661

DSC_6702

DSC_6715

DSC_6664

DSC_6653

DSC_6543

DSC_6549

DSC_6652

DSC_6673

DSC_6728

DSC_6548

DSC_6546

DSC_6562

DSC_6560

DSC_6582

DSC_6485

DSC_6682

DSC_6693DSC_6495

DSC_6639

DSC_6626

DSC_6553

DSC_6550

DSC_6680

part1

DSC_6733

DSC_6517

DSC_6529

DSC_6527

DSC_6566

DSC_6563

DSC_6597

DSC_6768

Annunci

Villa Aldobrandini, il giardino pensile nel cuore di Roma

Tuttavia Roma è la mia città. Talvolta posso odiarla (..). Ma Roma è inconoscibile, si rivela col tempo e non del tutto. Ha un’estrema riserva di mistero e ancora qualche oasi” (Ennio Flaiano)

Mi sento un po’ come Flaiano alle volte, nel mio rapporto con Roma: non ci sono nata, non ci sono cresciuta, sono approdata a Roma quasi vent’anni fa ed è diventata, da allora, la mia città; mi fa arrabbiare spesso, per la sua inefficienza e per quel suo essere così indolente; vivere a Roma è ormai divenuto per molti aspetti un vero e proprio “atto di fede”.

Ci sono però giorni in cui al tramonto arriva la luce giusta su Santa Maria Maggiore, nel momento in cui da via Urbana ti ritrovi su via Panisperna, poi prosegui e tra i palazzi scorgi il Colosseo e così la bellezza e l’eternità di questa città, ancora una volta, ti colpiscono dritti al cuore.

Seguendo questo percorso qualche giorno fa abbiamo fatto una passeggiata per raggiungere Villa Aldobrandini, un piccolo giardino che si affaccia su Largo Magnanapoli e dal quale si gode di una bella vista della città: da un lato la Chiesa dei Santi Domenico e Sisto, la Torre delle Milizie, più indietro l’Altare della Patria e i tetti di Roma e le tante cupole delle sue innumerevoli chiese.

Passeggiando per Monti (uno dei quartieri storici e più belli del centro) abbiamo scoperto la piccola chiesa di Sant’Agata dei Goti, con il suo chiostro molto raccolto, nel quale non ho potuto fare a meno di scattare (e farmi scattare) un po’ di foto.

Dopo la visita alla chiesa siamo saliti alla villa, un vero e proprio giardino pensile nel cuore della città, un’oasi tranquilla dove ho trovato un meraviglioso albero vestito dei colori dell’autunno, che fa ombra a due figure reclinate e senza testa: le statue che adornano la villa, infatti, sono tutte senza testa, eccetto una, la cui espressione tormentata, però, non lascia presagire nulla di buono 😉

A presto ❤

1Monti

2Monti

3Monti

4Monti

6Monti

7Monti

5Monti

10Monti

11Monti

9Monti

8Monti

12Monti

14Monti

13Monti

15Monti

16Monti

18Monti

20Monti

22Monti

24Monti

25Monti

26Monti

27Monti

28Monti

29Monti

30Monti

35Monti

36Monti

19Monti

31Monti

32Monti

33Monti

21Monti

Nel chiostro di Salisbury

Mi piacciono i chiostri, i loro impianti regolari, l’immancabile pozzo al centro, quel loro essere chiusi ma con uno sguardo sul cielo e con gli archi che si ripetono quasi a rincorrersi. Sono una specie di giardino segreto, un piccolo mondo lineare in cui passeggiare in silenzio, per non disturbarne la quiete. Quando sono in un chiostro, grande o piccolo che sia, mi piace sempre farmi scattare una  foto: è diventato ormai una specie di rito.

Durante il viaggio in Inghilterra di quest’estate, lungo la strada per la Cornovaglia, abbiamo visitato una cattedrale bellissima e il suo chiostro imponente: a Salisbury, una cittadina del Wiltshire notissima non solo per la sua cattedrale (che è stata il modello per Ken Follet nella stesura de “I pilastri della terra) ma anche perché nelle vicinanze sorge il sito di Stonehenge. Nella sala capitolare è conservata una delle copie della Magna Charta Libertatum, a conferma dell’importanza di questo luogo.

Abbiamo trascorso buona parte della mattina all’interno della Cattedrale e del chiostro, mentre i ragazzi delle scuole assistevano al servizio religioso: con le loro divise e i lunghi mantelli ci hanno ricordato gli studenti di Hogwarts 😉

A presto!

PS. Oltre a “I pilastri della terra” di K. Follett consiglio la lettura di un libro che ha il nome dell’antica Salisbury: “Sarum” di Edward Rutherfurd, un romanzo che, attraverso le vicende di alcune famiglie, narra la storia della città dal neolitico all’età contemporanea.

DSC_4555

DSC_4566

DSC_4569

DSC_4570

DSC_4605

DSC_4598

DSC_4579

DSC_4578

DSC_4580

DSC_4597

DSC_4588

DSC_4586

DSC_4596

DSC_4554

DSC_4608

DSC_4624

DSC_4625

Una Roma che non è Roma: San Saba

C’è una Roma che non sembra Roma e che è uno dei miei luoghi preferiti in questa città: a San Saba, sul piccolo colle di fronte all’Aventino, sembra quasi che il tempo si sia fermato; allontanandosi, ma di poco, dalla confusione e dalla folla, ci si ritrova in un “piccolo paese” fatto di case a due e a quattro piani, strade tranquille e gatti che dormono beati sui marciapiedi. E’ un paese che basta a se stesso, con la sua chiesa, il suo teatro, il negozio di alimentari, l’edicola. Questo piccolo angolo di tranquillità a due passi dalla Piramide Cestia e dal movimentato rione di Testaccio ed è per fortuna poco noto ai turisti che gli preferiscono luoghi più famosi, come il vicino Giardino degli Aranci.

Ci siamo ritrovati sui gradini delle sue scalinate solitarie e abbiamo esplorato i cortili ricchi di verde e di panni stesi al sole del primo pomeriggio.

Questo post, un po’ per caso e un po’ per piacere, è per me una sorta di ritorno agli inizi, perché in alcune foto ci sono anch’io e perché indosso una spilla della mia collezione: quando ho inaugurato il blog, infatti, la mia idea era di raccontare delle mie spille, delle curiosità legate alla loro storia e di come le “indosso” (senza pretese fashion). Poi con il tempo il blog è diventato una specie di diario di viaggio, un raccoglitore di ricordi, un luogo di condivisione dei miei tentativi fotografici; sono contenta di quello che è oggi questo piccolo spazio personale nel quale, tra alti e bassi, scrivo da due anni.

Al prossimo post ❤

PS. Il vestito, che adoro, è stato cucito per me da Cristina di L’atelier sul Brenta, una sarta dolcissima che dà alle sue creazioni i nomi di eroine letterarie: il mio si chiama Emma,  come la protagonista di Madame Bovary; la spilla è di Liz Clairbone.

DSC_6210

DSC_6055

DSC_6056

DSC_6127

DSC_6137

DSC_6121

DSC_6073

DSC_6078

DSC_6082

DSC_6089

DSC_6094

DSC_6147

DSC_6163

DSC_6200

DSC_6196

DSC_6192

DSC_6190

DSC_6182

DSC_6177

DSC_6171

DSC_6220

DSC_6250

DSC_6251

DSC_6253

DSC_6259

DSC_6264

DSC_6265

DSC_6267

DSC_6106

DSC_6109

DSC_6320

DSC_6321

DSC_6249

DSC_6219

DSC_6326

DSC_6248

DSC_6165

DSC_6156

DSC_6166

DSC_6167

DSC_6201

DSC_6203

DSC_6187

DSC_6315

DSC_6096

DSC_6100

DSC_6292

DSC_6282

DSC_6306

DSC_6310

DSC_6312

DSC_6311

La GAM di Milano, un tesoro da scoprire

Non sono mai stata un’amante della scultura; fino a qualche anno fa, alla domanda se preferissi la pittura o la scultura avrei scelto senza indugio la prima; ora sono in bilico tra le due: continuo ad amare i colori sulla tela, i minuziosi tratti di pennello e i dipinti di figure femminili, ma ho iniziato ad apprezzare anche la scultura, il marmo bianchissimo modellato e reso quasi vivo, le figure cesellate al dettaglio.

A Milano qualche settimana fa ho visitato la GAM, la ricca collezione di sculture e dipinti ospitata nella Villa Reale, che, a mio parere, rappresenta l’unione perfetta tra una splendida cornice e opere d’arte sapientemente disposte. La Galleria espone opere di Canova, Appiani, Hayez, Segantini, Zandomeneghi, De Nittis e anche di artisti internazionali come Picasso, Corot e Toulouse-Lautrec, per citarne solo alcuni.

Le sale della villa erano poco affollate e ho potuto soffermarmi a lungo a guardare le sculture riflesse negli specchi, a scoprire che nella collezione sono compresi quadri del mio amato Boldini, a riempirmi gli occhi della lucentezza del marmo e a commuovermi ancora una volta davanti all’infelice passione di Paolo e Francesca che “amor condusse (..) ad una morte“.

A presto!

PS. Le prime foto sono quelle della mostra “100 anni. Scultura a Milano 1815-1915” (fino al prossimo 03 dicembre).

DSC_5966

DSC_6001

DSC_5979

DSC_5973

DSC_5972

DSC_5971

DSC_5970

DSC_5984

DSC_5987

DSC_5991

DSC_6002

DSC_6006

N. Schiavoni “L’ingenuità (Giovane donna)”

DSC_5996

A. Canova “Ebe” – A. Appiani “La regina Elisabetta d’Ungheria soccorre i bisognosi”

 

DSC_6003

N. Schiavoni “L’afflizione (La malinconia)”

DSC_6004

F. Hayez “La Maddalena”

DSC_6040

G. Spertini “Fanciulla intenta a scrivere” – M. Bianchi “Cleopatra”

DSC_6045

P. Magni “La legatrice” – F. Faruffini “Lettrice”

DSC_6048

E. Sala “Ritratto di signora” – G. Pandiani “Egle al fonte”

DSC_6051

F. Hayez 
“Ritratto della contessina Antonietta Negroni Prati Morosini”

DSC_6031

DSC_6034

A. Puttinati “Paolo e Francesca”

DSC_6022

DSC_6052

G. Boldini “Busto di giovane donna con un fiore”